Papa Francesco: la Chiesa accompagna gli omosessuali, ma il gender è tra i peggiori mali di oggi!

Papa Francesco: "L'omosessualità è diventata una moda, invece vanno aiutati a fare altri percorsi e non abbandonati"

Papa Francesco: la Chiesa accompagna gli omosessuali, ma il gender è tra i peggiori mali di oggi!

Condividi su...
papa

“San Giovanni Paolo Magno” (Edizioni San Paolo) è il nuovo libro del Papa con Luigi Maria Epicoco. In libreria dall’11 febbraio, si tratta di un dialogo sulla vita e la spiritualità di Papa Wojtyla, in occasione dei 100 anni dalla sua nascita.

LEGGI:La Chiesa chiede “attenzione pastorale” alle unioni omosessuali: “Non vanno condannate”

LA RADICE CULTURALE DEL GENDER È MALE Istintivamente vado in cerca di altri punti di contatto e continuità del Suo Magistero con quello di Giovanni Paolo II. Quella della donna è una questione che continua ad animare molto spesso i dibattiti all’interno della Chiesa. Si cerca ancora un modo concreto per valorizzare la figura della donna all’interno del vissuto ecclesiale. Giovanni Paolo II ha dedicato la Mulieris Dignitatem proprio a questo tema.

Papa-francesco

In ogni epoca storica il male si è manifestato in diverse maniere. Secondo Lei, in questo momento storico qual è la modalità più specifica attraverso cui il male si fa presente e agisce?

Una di queste è la teoria del Gender. Voglio però subito precisare che dicendo questo non mi sto riferendo a coloro che hanno un orientamento omosessuale. Il Catechismo della Chiesa Cattolica ci invita anzi ad accompagnare e a prenderci cura pastorale di questi fratelli e di queste sorelle. Il mio riferimento è più ampio e riguarda una pericolosa radice culturale. Essa si propone implicitamente di voler distruggere alla radice quel progetto creaturale che Dio ha voluto per ciascuno di noi: la diversità, la distinzione. Far diventare tutto omogeneo, neutrale. È l’attacco alla differenza, alla creatività di Dio, all’uomo | e la donna. Se io dico in maniera chiara questa cosa, non è per discriminare qualcuno, ma semplicemente per mettere in guardia tutti dalla tentazione di cadere in quello che è stato il progetto folle degli abitanti di Babele: annullare le diversità per cercare in questo annullamento un’unica lingua, un’unica forma, un unico popolo. Questa apparente uniformità li ha portati all’autodistruzione perché è un progetto ideologico che non tiene conto della realtà, della vera diversità delle persone, dell’unicità di ognuno, della differenza di ognuno. Non è l’annullamento della differenza che ci renderà più vicini, ma è l’accoglienza dell’altro nella sua differenza, nella scoperta della ricchezza nella differenza. È la fecondità presente nella differenza che fa di noi degli esseri umani a immagine e somiglianza di Dio, ma soprattutto capaci di accogliere l’altro per ciò che è e non per ciò in cui lo vogliamo trasformare. Il cristianesimo ha sempre dato priorità al fatto più che alle idee. Nel Gender si vede come un’idea vuole imporsi sulla realtà e questo in maniera subdola. Vuole minare alle basi l’umanità in tutti gli ambiti e in tutte le declinazioni educative possibili, e sta di|ventando un’imposizione culturale che più che nascere dal basso è imposta dall’alto da alcuni Stati stessi come unica strada culturale possibile a cui adeguarsi.

LEGGI: Gay e Chiesa: essere omosessuali non è più un tabù

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.