Michele Bravi canta l’inno della generazione Gender Fluid (VIDEO)

Michele Bravi, gender fluid

Michele Bravi canta l’inno della generazione Gender Fluid (VIDEO)

Condividi su...

Michele Bravi, gender fluid“Ci sono state le generazioni che hanno vissuto secondo le regole e poi ci sono generazioni che quelle regole le rompono”. Lo ha dichiarato, piuttosto soddisfatta, Sarah Kate Ellis, attivista dell’ associazione Lgbt americana Glaad. Le «regole» a cui si riferiva, ovviamente, sono quelle riguardanti le differenze tra i sessi. Le sue parole sono state riportate dalla rivista Time, che alla fine di marzo ha dedicato il servizio di copertina alla cosiddetta «generazione gender fluid».

Leggi anche: Gender: l’1% dei ragazzi sotto i 12 anni si sente a disagio con la propria identità sessuale

 Quella, appunto, che supera gli steccati e va «oltre la definizione di lui o lei». Si tratta di adolescenti, ventenni e trentenni per cui «la sessualità e il genere» sono identificati non da una distinzione binaria (uomo/donna; gay/etero) bensì da uno «spettro» di definizioni. “Parecchi di loro – spiegava Time – sono soliti riferirsi a se stessi con il pronome loro invece che con lui o lei.”

Leggi anche: Kelly Mantle è il primo gender fluid candidato agli Oscar nella categoria: miglior attore e miglior attrice

 Tuttavia, qui da noi, la moda della fluidità è apparsa più che altro come un riflesso di tendenze d’ Oltreoceano, qualcosa di cui leggere sulle riviste e i siti Web. Fino ad oggi. Già, perché adesso qualcosa è cambiato: la «generazione gender fluid» è sbarcata anche in Italia, almeno a livello di immaginario, e ha trovato il suo longilineo portabandiera. Si tratta di Michele Bravi, vincitore della settima edizione di X Factor che ha intrapreso la carriera di cantante con un certo successo, beneficiando di collaborazioni importanti come quella con Tiziano Ferro.

Leggi anche: Trans Models: nasce a New York la prima agenzia per modelli/e transgender



Bravi, da pochi giorni, ha pubblicato un nuovo singolo tratto dall’ album Anime di Carta. Questa canzone si può considerare l’ inno italiano della «generazione gender fluid». Il testo è un po’ criptico, ma – secondo le esegesi più diffuse in Rete e secondo le dichiarazioni dello stesso cantante – parla di «sesso orale con una ragazza». In particolare, risulta abbastanza eloquente il seguente passaggio: “Mi ricorderò di te, ma non di questo posto/ ho la bocca secca mi dispiace non riesco/ ad assimilare qualche cosa di diverso.” In queste poche parole è racchiuso il senso della «sessualità fluida». Il protagonista della canzone, par di capire, è un ragazzo gay che prova, con difficoltà, ad avere un rapporto sessuale con una donna.

Leggi anche: In Tv, nell’ultimo anno, sono triplicate le notizie LGBT in Italia

Michele Bravi, parlando con il Corriere della Sera, ha detto: “Questa necessità di dire tu stai da una parte o dall’ altra per me non c’ è, e credo sia lo stesso per molti della mia generazione. So di avere un minimo di influenza: non voglio mettere da solo delle categorie.”

Leggi anche: Per le famiglie italiane l’omosessualità è ancora un tabù: rovinerebbe la tranquillità domestica

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.