“La Casa di Carta 4”: tra le scene più belle troviamo la storia d’amore segreta tra Berlino e Palermo (VIDEO)

“La Casa di Carta 4”: tra le scene più belle troviamo la storia d’amore segreta tra Berlino e Palermo (VIDEO)

Condividi su...

In assoluto una delle scene più forti, e più belle, di questa quarta edizione de “La casa di carta è il bacio gay tra Berlino e Palermo, interpretati da Pedro Alonso e Rodrigo De La Serna (sotto il video del bacio).

I due attori ne hanno parlato in un’intervista sul canale “The Cutaway”.

Anche Alonso dice la sua: “Questi due stronzi avevano una storia d’amore, è una cosa che io non avevo mai visto prima. Entrambi sono lucidi, intelligenti, abili nelle loro strategie machiavelliche. È un materiale molto ricco”.

Parlando de La casa di carta aggiunge: “ci sono momenti che io non avevo mai visto in televisione, stai interpretando un cowboy, poi improvvisamente una scena romantica e subito dopo è come un match di boxe”.

LEGGI: “La Casa di Carta” è la serie più vista al mondo e supera “Il Trono di Spade” e “The Walking Dead”

Palermo e Berlino sono tra i personaggi più amati della serie. Del primo sapevamo dalla terza stagione che era gay ed innamorato di Berlino. Nella nuova stagione scopriamo che Berlino sposa la sua amata ma poi si scopre che tra Palermo e Berlino c’è stata, forse, una storia d’amore segreta confermata da un bacio: “A me piacciono moltissimo le donne e a te piaccio troppo io“, dice Berlino prima di dire addio all’amico.

GUARDA: “La Casa di Carta”, la vita reale degli attori: c’è chi è gay, chi si è fidanzato sul set e chi ha famiglia!

“Nella quarta stagione ci sono delle scene tra di noi che sono molto potenti – dice Rodrigo parlando di Palermo e Berlino – c’è qualcosa di romantico tra loro due che è molto forte“. (sotto il video del bacio).

“La Casa di Carta”, la vita reale degli attori: c’è chi è gay, chi si è fidanzato sul set e chi ha famiglia!

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.