“Siete dei culattoni, non veniamo nella vostra pizzeria”: i due titolari pubblicano la lettera su Facebook

“Siete dei culattoni, non veniamo nella vostra pizzeria”: i due titolari pubblicano la lettera su Facebook

Condividi su...

A Torino i titolari della Pizzeria 150 hanno ricevuto un curioso – e disgustoso – messaggio.

Un cliente anonimo comunica che si rifiuta di andare a mangiare lì perché, scrive, i titolari sono gay. Lo scrive con parole meno delicate, che riporta, oggi, Repubblica Torino.

«Egregi signori titolari, in un momento in cui tutti hanno voglia di riaprire e ricominciare, voi due decidete di non riaprire all’ora di pranzo. Considerato, però, che ho saputo da poco che siete due noti culattoni penso che il male maggiore ce l’abbiate in corpo già voi, l’aids; per cui siamo noi clienti ad avere paura nel venire da voi».

Milano, attacco omofobo alla pizzeria LGBT Little Italy

I titolari del ristorante non si sono persi d’animo. Hanno affisso il messaggio del cliente ad una colonna del ristorante, con un’aggiunta in pennarello: «Orgogliosi, lo staff 150».

«Ma come altro dovrei prenderla? Ho scoperto di essere culattone all’età di 43 anni, prima non me n’ero mai reso conto, cioè so di avere molte pessime qualità e non pensavo che quello rientrasse tra i peggiori difetti, anzi vorrei dire a quel cliente che ho anche cinque gatti e un pastore tedesco, forse, per lui, anche questo è un problema. A nessuno nel mio lavoro, nella mia vita privata, tra gli amici, è mai interessato il mio orientamento sessuale, nessuno si è mai stupito che io e Gaetano fossimo una coppia o abbiamo dovuto dare spiegazioni». ha dichiarato Stefano.

In una pizzeria a Bari la pizza “omofoba” è un vero successo di marketing

«Non diamo nessun peso alla lettera di un cliente che probabilmente sappiamo anche chi sia, che ci scrive senza metterci nemmeno la faccia. Io in tutta la mia vita ho sempre messo la faccia, chi non lo fa per me non esiste, non vale nemmeno una denuncia. Rido perché penso a questa persona e a tutto il lavoro che ha fatto per mandarci questo messaggio. Ha comprato un francobollo, scritto un messaggio con la macchina da scrivere e ha pure dovuto correggerlo più volte. Mi spiace perché è una persona che nella sua testa non trova pace».

“Locale aperto ai gay e… ai pisani”: scoppia la polemica sui social

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.