Ravenna, attacco omofobo al presidente di Arcigay: “Un fatto grave, la visibilità LGBTQ diventa bersaglio”

Ravenna, attacco omofobo al presidente di Arcigay: “Un fatto grave, la visibilità LGBTQ diventa bersaglio”

Condividi su...

Esprimo la solidarietà e l’abbraccio di tutta Arcigay al nostro Ciro Di Maio, presidente di Arcigay Ravenna, che è stato oggetto di un attacco omofobo da parte di ignoti che hanno imbrattato nottetempo con la scritta “frocio” la porta dell’agenzia di cui è titolare“: lo dichiara Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay.

Regionali, Arcigay: “Priorità ai diritti. Subito legge contro omotransfobia in Italia e cancellazione dei decreti di sicurezza”

Nel racconto che Ciro stesso ha postato poco fa sul suo profilo Facebook – prosegue Piazzoni – c’è tutto l’orgoglio di una persona gay visibile che ha scelto di stare in prima linea e di questo gli siamo grat*. Però fa male, fa tanta rabbia, mette sconforto. Perché essere una persona lgbt visibile in questo Paese ha dei costi, in termini di opportunità, di discriminazioni, perfino di insulti e di violenze. Non può e non deve essere così. Lo ripetiamo a gran voce: serve una legge efficace contro l’omotransfobia e serve rapidamente, senza tagli o compromessi al ribasso. Serve perché quella legge sarà solo un argine, ma un argine, in questo momento in cui l’onda d’odio non si ferma e sembra quasi ingrossarsi, è fondamentale”, conclude Piazzoni.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.