Palermo, cacciato di casa dalla madre perché gay: “Sono tanti gli amici che non lo dicono in famiglia per paura”

Palermo, cacciato di casa dalla madre perché gay: “Sono tanti gli amici che non lo dicono in famiglia per paura”

Condividi su...

Una legge contro l’omofobia è uno strumento normativo di cui abbiamo bisogno“. A dirlo, con un post su Facebook, è il presidente della Camera, Roberto Fico.

LEGGI: Salvatore, il ragazzo cacciato dalla famiglia perché gay, riceve l’invito dalla “Casa rifugio lgbt di Napoli”: “Qui ci sarà sempre posto per te”

Un messaggio che arriva sui social in risposta a Manuel Croce, il 40enne di Palermo che ha denunciato su Repubblica di essere stato allontanato di casa dalla madre perchè gay.

Ora Manuel vive in un centro di accoglienza nel quartiere di Ballarò.

omofobia

Sono tanti, troppi i miei amici che non riescono a dire che sono gay, hanno paura”, ha raccontato Manuel, che rivolto un appello anche al presidente della Camera, Roberto Fico: “Bisogna approvare al più presto una legge contro l’omofobia. Nessuno più deve avere vergogna di essere se stesso”.

GUARDA: Valentino, sordo e cacciato di casa perché gay, oggi realizza il sogno della sua vita: aprire un ristorante LGBT (VIDEO)

Parole che non hanno lasciato indifferente il 5Stelle, che ha immediatamente risposto con un post sulla sua pagina Facebook: “La storia di Manuel Croce ci ricorda che ci sono ancora dei passi da fare per una società che rispetti il modo in cui ciascuna persona si identifica, che non prescriva ruoli e non giudichi scelte. Le istituzioni – prosegue il post del presidente Fico – devono impegnarsi in tal senso, così come ognuno di noi deve farlo nel suo quotidiano. Ed è per questo che raccolgo l’appello che Manuel mi ha rivolto: una legge contro l’omofobia è uno strumento normativo di cui abbiamo bisogno”.

https://www.facebook.com/roberto.fico.5/posts/5032249750134184
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.