Omotransfobia, sabato 57 città italiane scenderanno in piazza per chiedere una LEGGE efficace

milano pride, lgbt,

Omotransfobia, sabato 57 città italiane scenderanno in piazza per chiedere una LEGGE efficace

Condividi su...
milano pride, lgbt,
(Foto di Alice Redaelli)

Ha già raggiunto quota 57 l’elenco delle città che sabato 17 ottobre scenderanno in piazza per stare “Dalla parte dei diritti”: così si chiama la grande mobilitazione nazionale convocata  a sostegno dell’approvazione di una legge efficace contro omotransfobia e misoginia in vista del 20 ottobre, giorno in cui riprenderà alla Camera la discussione della proposta di legge licenziata dalla Commissione Giustizia e che ha come relatore l’onorevole Alessandro Zan.

LEGGI: Zan: “Una legge da sola non risolve i problemi ma ha un impatto culturale notevole per il Paese. Si parla ancora di scelta sessuale, come se essere gay o trans fosse una scelta e non una condizione dalla nascita”

roma-pride-2018

Le città che hanno annunciato finora un presidio per la giornata di sabato sono: Agrigento, Alessandria, Ancona, Aosta, Arezzo, Asti, Bagheria, Bari, Bergamo, Bologna, Bolzano, Brindisi, Campobasso, Caserta, Catania, Chieti, Como, Cremona, Cuneo, Ferrara, Firenze, Frosinone, Genova, L’Aquila, Lecce, Livorno, Mantova, Matera, Messina, Milano, Modena, Monza, Novara, Padova, Palermo, Pantigliate, Parma, Pavia, Pesaro, Pescara, Pisa, Reggio Calabria, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Roma, Rovereto, Rovigo, Salerno, Sanremo, Siena, Taranto, Treviso, trieste, Varese, Vicenza, Viterbo (sul sito dallapartedeidiritti.it i dettagli per ciascun presidio). “La grande risposta che da ogni parte del Paese  è giunta alla mobilitazione #dallapartedeidiritti – commenta Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay – è già di per sé un segnale clamoroso, che deve avere arrivare forte e chiaro a Governo e Parlamento. È il momento di fare qualcosa di concreto per contrastare l’odio in questo Paese. Nonostante i timori della pandemia, e nel pieno rispetto delle regole sulla frequentazione dei luoghi all’aperto (cioè con mascherina e rispettando il distanziamento), siamo pronti a riattraversare le strade e le piazze coi nostri arcobaleni”. La mobilitazione rilancia l’appello rivolto al Parlamento e al Governo italiani da diverse associazioni, tra cui Arcigay e All Out e che ha quasi raggiunto le 70mila firme (http://allout.org/it/DallaParteDeiDiritti). 

Regionali, Arcigay: “Priorità ai diritti. Subito legge contro omotransfobia in Italia e cancellazione dei decreti di sicurezza”

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e richiede i tuoi dati personali per migliorare la tua esperienza di navigazione.