Due ragazzine di 15 e 17 anni insultate e aggredite con sputi al Family Day di Gandolfini con Matteo Salvini: “Ci tenevamo per mano”

Due ragazzine di 15 e 17 anni insultate e aggredite con sputi al Family Day di Gandolfini con Matteo Salvini: “Ci tenevamo per mano”

Condividi su...

La Stampa racconta di un’aggressione omofoba a due ragazzine che si è tenuta durante il sit-in di protesta contro la legge sull’omofobia organizzato da Massimo Gandolfini del Family Day a cui era presente anche Matteo Salvini.

La battaglia sulla legge sull’omotransfobia in Italia si combatte dentro e fuori dal Parlamento sulla pelle di persone come una coppia di ragazze, insultate e aggredite in piazza Montecitorio solo perché si tengono per mano.

L’intero show del Milano Pride 2020 con la bandiera arcobaleno come fiamma olimpica del movimento LGBT (VIDEO)

La prima ha 15 anni e piange lacrime di rabbia dietro le ciglia finte e il trucco arcobaleno: «Siamo andate davanti alla Camera perché pensavamo che la contromanifestazione convocata via social si tenesse lì, ma quando siamo arrivate un uomo sui quaranta si è avvicinato e ci ha detto che gli facevamo schifo perché ci tenevamo per mano, voleva sputarci addosso e ci sarebbe riuscito se non si fosse messa in mezzo quella ragazza lì che non avrà neppure 17 anni, come Alessia, che si è presa lo sputo al posto nostro. Un adulto che sputa addosso a una ragazzina, e per che cosa? Che sarebbe successo se non fosse arrivata lei, ci avrebbe menato? Ma che cosa abbiamo fatto di male io e la ragazza mia?».

LEGGI: “Il nostro sogno più grande era di avere una famiglia tutta nostra e ci siamo riuscite”: il bellissimo racconto di Imma ed Emanuela

A confermare il racconto è stata l’altra ragazza di appena 17 anni: «È arrivato questo che ha cominciato a insultare: levatevi dal c… Parlano di difendere la libertà di opinione, ma l’omofobia non è un’opinione».  Alessandro ha 14 anni ed è transgender. Da piazza Santi Apostoli, dove si tiene l’iniziativa promossa da Circolo Mario Mieli, collettivi studenteschi, associazioni Lgbt, centri antiviolenza,  ricostruisce: «Quando siamo arrivati questo tizio ha iniziato a mandarci a quel paese, ha sputato alla ragazza e poi ha tirato un calcio a un signore che era con la figlia. Un uomo, forse un agente in borghese, ha colpito un altro col manganello alle gambe».

Da IlGiornale.it

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.