Daniel Radcliffe contro la transfobica J.K. Rowling: “Le donne transgender sono donne”

Daniel Radcliffe contro la transfobica J.K. Rowling: “Le donne transgender sono donne”

Condividi su...

Daniel Radcliffe, star di Harry Potter, ha scritto una lunga risposta ai controversi tweet anti-trans pubblicati dall’autrice J.K. Rowling il 6 giugno: “Le persone che hanno le mestruazioni. Sono sicura che ci fosse una parola per quelle persone. Qualcuno mi aiuti. Wumben? Wimpund? Woomud?”.

LEGGI: Mattarella: “L’omofobia e la transfobia violano la dignità umana e feriscono l’intera società”

Le donne transgender sono donne”, ha scritto Radcliffe in un saggio pubblicato sul sito web The Trevor Project, un’organizzazione no profit dedicata all’intervento e alla prevenzione del suicidio per le persone LGBTQ.

Invisibilità, insulti, minacce e violenze: i dati sull’omobilesbotransfobia in Italia

“Qualsiasi affermazione contraria cancella l’identità e la dignità delle persone transgender e va contro ogni consiglio dato dalle associazioni sanitarie professionali che hanno molta più esperienza in materia rispetto a Jo o io”.

L’attore trentenne ha affermato che il 78% dei giovani transgender e non binari ha dichiarato di essere stato discriminato a causa della sua identità di genere. “È chiaro che dobbiamo fare di più per supportare le persone transgender e non binarie, non invalidare le loro identità e non causare ulteriori danni”, ha scritto Radcliffe.

GUARDA: Sam Porto è il primo modello transgender a sfilare durante la Fashion Week con un bellissimo messaggio contro la transfobia

Daniel Radcliffe si è inoltre rivolto direttamente ai fan della saga fantasy: “A tutte le persone che ora sentono che la loro esperienza con i libri è stata offuscata o diminuita, sono profondamente dispiaciuto per il dolore che questi commenti vi hanno causato. Spero davvero che non perdiate del tutto ciò che è stato prezioso per voi. Se questi libri vi hanno insegnato che l’amore è la forza più forte dell’universo, capace di vincere qualsiasi cosa; se vi hanno insegnato che la forza si trova nella diversità e che le idee dogmatiche di purezza portano all’oppressione dei gruppi vulnerabili; se ritenete che un determinato personaggio sia trans, non binario o di genere o che sia gay o bisessuale; se avete trovato qualcosa in queste storie che vi ha aiutato in qualsiasi momento della vostra vita, allora queste cose sono solamente tra voi e il libro che leggete, ed è sacro. Nessuno può toccarlo.”

Omotransfobia: arriva il portale per denunciare gli abusi, via alla campagna nazionale

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.