Cinque Terre, coppia gay aggredita da un branco di ragazzi: “Qui i gay non si baciano”

Cinque Terre, coppia gay aggredita da un branco di ragazzi: “Qui i gay non si baciano”

Condividi su...

Sono stati aggrediti alla stazione ferroviaria di Vernazza solo perché si stavano scambiando qualche bacio. Il grave episodio è accaduto ieri attorno alle 16, a una coppia gay di Bologna (uno italiano e l’altro di origini macedone ma residente a Bologna da anni) che dopo una giornata di mare a Vernazza stava tornando alla Spezia.

I due giovani trentenni, seduti sui gradini della scalinata della stazione ferroviaria, si stavano facendo i fatti loro e programmavano il rientro in città. A notarli un gruppo di quattro coetanei che, tra risatine sarcastiche, commenti e urla hanno iniziato a offenderli pesantemente con parolacce e insulti irripetibili.

Alessandro Zan minacciato di morte: “Ricch**ne, ritira la legge contro l’omofobia o farai una brutta fine”

Un’aggressione prima verbale violenta e inaspettata, nata dal branco, che ha spinto uno dei giovani del gruppo a raggiungere la coppia e a sferrare un pugno in volto ad uno dei due, colpendolo tra lo zigomo e l’orecchio destro. Ancora insulti, qualche schiaffo e gli aggressori si sono dileguati rapidamente salendo sul treno delle 16.16, che tutti stavano aspettando per raggiungere La Spezia.

Per cercare di acciuffarli le forze dell’ordine hanno controllato il convoglio e la stazione di Vernazza, così tra le 16.16 e le 17.20 il traffico ferroviario ha rallentato tra Monterosso e Corniglia. Come riferiscono le ferrovie un Intercity e cinque regionali hanno subito ritardi fino a 45 minuti.

I carabinieri di Monterosso hanno rapidamente raggiunto il paese e hanno ricostruito quanto accaduto, per arrivare a identificare il gruppo. Fortunatamente, il giovane che ha ricevuto il pugno in volto non è stato ferito gravemente ma in paese e nelle accoglienti Cinque Terre l’episodio ha lasciato l’amaro in bocca. Le indagini dei carabinieri sono in corso.

Alberto Maggi: “Ai gay la Chiesa dovrebbe solo chiedere perdono”. Parole di fuoco sull’intervento dei vescovi contro la legge sull’omofobia

“Da quanto appreso dai media locali, una coppia gay è stata aggredita alla stazione ferroviaria di Vernazza solo perché si stava scambiando qualche bacio. Il grave episodio è accaduto ieri attorno alle 16:00 . Un’aggressione prima verbale violenta e inaspettata, nata dal branco, che ha spinto uno dei giovani del gruppo a raggiungere la coppia e a sferrare un pugno in volto ad uno dei due, colpendolo tra lo zigomo e l’orecchio destro – dichiara Fabrizio Marrazzo portavoce Gay center – condanniamo fortemente questo ennesimo episodio di violenza, e chiediamo alle forze dell’ordine di individuare al più presto gli aggressori. Al nostro servizio Gay Help Line 800 713 713, riceviamo circa 50 segnalazioni di episodi di omotransfobia al giorno per un totale di 20 mila l’anno, il clima contro le persone LGBT (lesbiche, gay, bisex e trans) purtroppo è sempre più grave in Italia.”

Continua Marrazzo: “Quanto riportato dalla on. Boldrini, all’evento online di mercoledì 1 luglio organizzato da Arcigay Bergamo con il Comune, in merito alle ventilate richieste di  dei tagli  alla legge sulla parte  per il supporto alle vittime, ci lascia molto preoccupati. Pertanto, chiediamo alla maggioranza che sostiene questo testo di rigettare tali richieste. Infatti, il testo è già frutto di una mediazione ed è già stato privato di molte parti, quindi ridurlo ulteriormente lo renderebbe inutile ed inefficace, e diventerebbe inaccettabile”

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.