“Caro Alessandro Zen, evitiamo che le offese a donne e persone LGBTQ+ diventino lecite”

“Caro Alessandro Zen, evitiamo che le offese a donne e persone LGBTQ+ diventino lecite”

Condividi su...

Caro Alessandro,

A pochi giorni dall’appuntamento delle piazze #DALLAPARTEDEIDIRITTI e dall’avvio della discussione della legge alla Camera, sappiamo che sei stato vittima di attacchi pesanti, come lo sono stati tanti esponenti della comunità LGBT+, da un fronte omotransfobico sempre più agguerrito ed organizzato, vedasi i poderosi  mezzi messi in campo dal cosiddetto “popolo della famiglia”, attraverso il comitato “Restiamo liberi”.

LEGGI: Zan: “Una legge da sola non risolve i problemi ma ha un impatto culturale notevole per il Paese. Si parla ancora di scelta sessuale, come se essere gay o trans fosse una scelta e non una condizione dalla nascita”

Il loro restiamo liberi, però,  è un restare “liberi di odiare”. E questo ci preoccupa molto, tanto più che nella legge è stato aggiunto un articolo che quel restare liberi di odiare di fatto lo avalla, lo garantisce:

omofobia legge italia

Art. 3.

(Pluralismo delle idee e libertà delle scelte)

1. Ai sensi della presente legge, sono consentite la libera espressione di convincimenti od opinioni nonché le condotte legittime riconducibili al pluralismo delle idee e alla libertà delle scelte.

Ci sentiamo pertanto nel dovere di ripeterti ancora una volta quanto ti abbiamo rappresentato sin dal primo giorno in cui è stato reso noto quell’emendamento: può produrre effetti pericolosi, capaci addirittura di portarci a una situazione giuridica per alcuni versi peggiore dell’attuale. Se oggi, infatti,  dire ad esempio “i gay sono malati e  inferiori” non è né permesso né vietato dalla legge, domani potrebbe essere “autorizzato” secondo la legge (“libera espressione di opinioni”). Per quanto riguarda le donne oggi dire “le donne sono inferiori”  è in qualche modo sanzionabile,  domani anche questo diventerebbe lecito .

Regionali, Arcigay: “Priorità ai diritti. Subito legge contro omotransfobia in Italia e cancellazione dei decreti di sicurezza”

Non ci sfugge il fatto che la politica è l’arte del possibile e che c’è la necessità di trovare i voti in Parlamento per far approvare la legge, e di una legge, di una buona legge, vi è assoluto bisogno, ma facciamo attenzione a non mancare l’obiettivo proprio ora che siamo ad un passo dal conseguire un risultato storico per l’Italia. Ti chiediamo di fare ancora un piccolo sforzo di mediazione. Èveramente triste che in Italia ci sia qualcuno che reclami il diritto di odiare qualcun altro chiamando tale atteggiamento “libertà di espressione”. Ne prendiamo atto e t’invitiamo a salvare il salvabile. Al di là di ogni sofismo verbale ti formuliamo una proposta chiara e netta. Dichiarare nella legge, che definire le persone LGBT+ e le donne, malate o inferiori è reato, come oggi avviene per le discriminazioni razziali e religiose.Sicuri di condividere con te la stessa aspirazione a migliorare la legge, ci auguriamo esserti di aiuto con questa proposta.

Fabrizio Marrazzo Portavoce Gay Center.

Legge omotransfobia in Italia: “No agli errori del passato, si trovi mediazione all’altezza”

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e richiede i tuoi dati personali per migliorare la tua esperienza di navigazione.